top of page

CAMPIONATI ITALIANI MUAY THAI 2024






Roma, Palatorrino.

Il Cerchio dei Guerrieri di Trezzano sul Naviglio, prese a Roma per l'edizione 2024 dei campionati italiani di muay thai riservato alle prime serie e Khan alti dei cadetti e l'annesso Trofeo Italia per contatto pieno 2/3 serie e light.

Partecipazione straordinaria di circa 450 atleti provenienti da tutta Italia, 5 ring montati e organizzazione perfetta quanto a tempistiche.

Il Cerchio dei Guerrieri si è presentato con ben 16 atleti, tra contatto pieno, light, old cadetti e tigrotti. E risultati sono stati come al solito lusinghieri!!!

2 campioni italiani, Nicholas che si conferma per la terza edizione consecutiva IL CAMPIONE ITALIANO DI MUAY THAI costringendo al ritiro il proprio avversario alla prima ripresa e Nicolò che diventa il NUOVO CAMPIONE ITALIANO JUNIORES categoria -60kg!

Medagliere: 6 ori, 1 argento (molto stretto) e 6 bronzi! Direi ottimo!


Recensione.

Giorno 1

Si parte il sabato con i primi match contatto pieno in programma.

Gabriel Voto: 6

è uno dei nostri all'esordio nel contatto pieno dopo una lunga serie di squalifiche nel light. E' una delle categorie più piene e deve vedersela con avversari più esperti, pertanto l'obiettivo è di fare più strada possibile nel torneo.

Agli ottavi riesce ad imporsi e vince all'esordio!! Passando il turno meritatamente. Colpi forti e chiusura. Domina e vince!

Dopo un paio di ore risale sul ring contro l'avversario che non aveva combattuto il turno precedente e che quindi si presenta più riposato. Gabriel fatica a prendere le distanze giusta ma tiene botta al primo round. Poi inizia a subire un pò troppo il clinch e ha una calo fisico alla seconda ripresa che purtoppo influisce sulla lucidità mentale e così fatica a trovare combinazioni vincenti per portare a casa il passaggio alle semfinali!


Michele Voto: 6

Anche per lui torneo che si presenta molto difficile in quanto pieno di numerosi ottimi atleti. Gli ottavi vengono superati da Michele non senza difficoltà. Appare troppo contratto e, stranamente, impreciso. I colpi di braccia sono tirati senza precisione e sembra un pò stanco. Ma è solo una questione di testa, infatti dalla seconda inizia a mettere a segno un ottimo lavoro di clinch e ginocchiate che gli fanno passare meritatamente il turno,

Nello sport anche la componente fortuna ha la sua importanza.

Purtroppo ( o per fortuna perchè bisogna cogliere anche gli aspetti positivi) trova un atleta fortissimo (decisamente oltre un terza serie) che infatti vincerà a mani basse il torneo. Quindi, decisamente meglio essere eliminati da un atleta così bravo che da un colpo a caso.

Ma questo match farà crescere Michele tantissimo! Perchè non mollare e recuperare quasi del tutto un match partito malissimo non è da tutti e fanno capire di che pasta è fatto.

Nel primo round fa da sacco. Cerca delle timide risposte ma l'avversario è impostato, colpisce sempre alla distanza perfetta e sopratutto lo fa in modo duro! Insomma ci capisce poco. Torna all'angolo senza mostrare segni di reazione e così (l'angolo serve anche a questo) viene stimolato a puntino e gli viene detto cosa fare senza pensare troppo. Rientra e piazza una paio di ginocchiate di incontro che hanno l'effetto di cambiare l'inerzia del match perchè l'avversario non riesce più a lavorare tranquillo avendole sentite. Così Michele inizia a pressare lui, e inizia un altro matche dove gli atleti scambiano colpo su colpo ma dove anche i gomiti e i colpi di Michele si fanno sentire. L'avversario cala e Michele cresce. Purtroppo il match finisce perchè se fosse continuato magari si poteva portare a casa. Ma il tempo termina e l'avversario vince giustamente ai punti. Michele perde ma impara tantissimo, sopratutto a credere in se stesso e nel proprio potenziale. Non è stato buttato giù dopo quel primo round terribile, e stava per ribaltare il match. Una crescita mentale paurosa!!


Alessio Voto: 5/6

Il voto non è del tutto negativo perchè vanno considerate delle componenti fondamentali che a volte ci si dimentica: un conto sono i light e un conto il contato pieno. I quest'ultimo le dinamiche cambiano, l'intensità cambia, la propria lucidità mentale cambia, i tempi di reazione cambiano perchè sentire colpi forti o vedere foga nell'avversario fanno diminuire i tempi di reazione. Oltre a questo, Alessio non era al meglio fisicamente e sotto tachipirina da qualche giorno. Onore a lui non averla mai usata come scusa ma di essersi addossato le responsabilità di una prestazione non brillante come al solito.

Va anche evidenziato che anche la gestione da parte dell'arbitro non è stata positiva, consentendo al proprio avversario di correre sul ring, cosa assolutamente vietata e che, se fosse stata sanzionata come avrebbero dovuto, avrebbe tolto un vantaggio (scorretto) al proprio avversario.

Trova un avversario molto aggressivo che utilizza in pratica solo colpi di braccia che vengono portati dopo rincorsa e corsetta a spingere Alessio contro le corde. Le gambe le utilizza pochissimo (ricordo forse 5 calci in tutto il match), altro aspetto che, da regolamento è vietato in quanto bisogna utilizzare anche i colpi di gambe: è muay thai!!!

In ogni caso, questa aggressività infastidisce Alessio che non riesce a fare i suoi consueti spostamenti e non riesce ad imporre il ritmo al match come vorrebbe e come è abituato a fare.

Dopo qualche consiglio all'angolo riesce qualche volta a fare ciò che vorrebbe ma putroppo non in modo continuativo. Scambia e mette anche lui diversi colpi, sia chiaro che non ha fatto da sacco, ma troppo poco per convincere i giudici che alla fine danno la vittoria ai punti all'avversario, decretando l'eliminazione di Alessio. Succede. Serve anche questo per fare esperienza e capire dove lavorare di più e meglio! E' troppo intelligente Alessio per non far tesoro di questa esperienza!


Giornata 2

Il giorno dopo è tempo di tutti gli altri e dei match più importanti che decreteranno i campioni di Italia 2024 prima serie. Per noi, il detentore Nicholas Vasta e l'esordiente in prima serie Nicolò Campagnano.


Nicholas voto: 10 (o senza voto)

Nicholas si riconfema per il terzo anno consecutivo Campione Italiano prima serie categoria -81 kg. Il voto 10 perchè resta concentrato, sale consapevole dei suoi mezzi, convinto, cattivo a non lasciare niente al caso. La forza di Nicholas è che è umile e che riesco a passargli il concetto di non montarsi mai la testa. Sapevamo che gli avversari erano inferiori sulla carta, ma alla fine è sempre il ring a dire l'ultima parola. Quindi sempre attenzione e rispetto. Sale e dopo uno scambio di pochissimi secondi, giusto per studiare i colpi dell'avversario, e Nicholas inizia a mettere a segno una compilation di colpi dai calci, al devastante diretto destro, a ginocchia e raffica di gomitate. L'avversario accusa, viene contato, arriva alla fine del primo round e si ritira!

Nicholas è ancora campione italiano e, per la terza volta consecutiva, vincendo la finale per Ko!

Il senza voto è ovviamente una provocazione perchè per lo sforzo del taglio del peso e per l'impegno profuso agli allenamenti, si sarebbe meritato almeno un match più combattuto!


Nicolò voto: 10

Nicolò diventa il nuovo campione italiano juniores della categorie -60 kg. Sia la semifinale che la finale sono match molto tirati ma davvero spettacolari dove Nicolò riesce a essere sempre lucido e pulito, ad ascoltare i suggerimenti dell'angolo e gestire i momenti di calo e i momenti di foga.

In particolare la finale è molto tirata contro un ottimo avversario tecnico con cui lottano punto a punto, colpo su colpo. Nicolò riesce anche a gestire benissimo una ginocchiata saltata subita in semifinale senza che nessuno dei giudici se ne accorga ( ma noi all'angolo si...).

Nonostante durante la preparazione ogni tanto mi ha fatto incazzare per qualche assenza di troppo, alla fne si è rimesso in carreggiata dimostrando le ottime potenzialità che sappiamo che ha!

Adesso che si goda il suo titolo e poi dall'anno prossimo si passerà ai senior dove bisognerà alzare ancora di più il livello di allenamenti!

Bravissimo!


Mirko voto: 5 (media tra l'8 dei match e il 2 per le gestione post match)

Mirko combatte la semifinale benissimo. Vincendo tutte le riprese e non subendo praticamente quasi mai i colpi del pur bravo avversario, lavorando bene con tutte le armi a disposizione calci, pugni, clinch e spazzate. Va in finale dove ad attenderlo trova uno spigoloso avversario parecchio più alto di lui.

L'avversario ha una sola strategia: sfruttare la sua altezza, prendere Mirko e tirare ginocchiate. Mirko presenta invece un campionario più vario di muay thai, provando ad accorciare le distanze, a colpire di pugilato, di gamba etc. Gli scambi sono molto duri, Mirko a distanza e l'avversario sempre con la solita tecnica di kao trong in clinch.

Mirko fatica ad uscire da questa presa e rischia qualche volta di essere colpito pericolosamente, però questo non succede. Infatti, nonostante ciò che può sembrare, Mirko non subisce un solo colpo degno di nota. Non ha un segno in viso, non ha un segno al corpo. E assicuro che se le forti ginocchiate dell'avversario l'avessero colpito almeno sulle costole, qualche segno l'avrebbe riportato. Vista la notevole differenza di altezza, quando afferrato in clinch, prova a sbilanciare l'avversario utilizzando però tecniche di anca che, nonostante l'arbitro centrale non richiama mai, vengono sanzionate con un richiamo ufficiale e penalità dal giudice centrale!!! E può anche starci in termini di regoalemtno ma...solitamene funziona che l'arbitro centrale, in caso di tecniche non consentite, almeno da un richiamo verbale, poi lo richiama ancora e infine se l'atleta continua nel fallo, allora viene ammonito. Invece, in questo caso, senza alcun preavviso, il giudice centrale richiama con prepotenza l'arbitro centrale, lo mette sull'attenti in modo sgarbato e gli impone di imporre subito la penalità! Due pesi e due misure. Qualche dubbio mi resta essendo per 2/3 la stessa composizione di giudici di un altro risultato contestato nella scorsa edizione che ci costò il titolo! Evidentemente o non gli siamo simpatici o abbiamo un metro di giudizio completamente diverso (però, guarda caso, sempre con loro...) o siamo semplicemente sfortunati con loro.

Tornando al match, invece, Mirko non è monotematico ma invece riesce a incrociarlo con colpi di gamba che vanno segno facendogli perdere più volte l'equilibrio, riesce a proiettarlo diverse volte e infine riesce a piazzare diversi potenti colpi di braccia e con due di questi riesce a far intervenire il medico una volta e metterlo al tappeto una seconda volta con nuovo intervento medico. La seconda volta, il sangue dal naso non riusciva più a fermarsi ma, Ovviamanete, match fatto continuare perché mancavano pochi secondi al gong e atleta salvato!

E' vero che nel lavoro in clinch l'avversario è stato nettamente superiore, ma la muay thai è solo clinch?

I pugni non contano? I calci non contano? I colpi che fanno danno ( e noi ne abbiamo fatti parecchi a differenza del avversario) non contano?

Evidentemente no! Almeno per i nostri giudici che danno la vittoria all'avversario!

Giudizio che ci vede completamente in disaccordo (unico neo vero del campionato!). Anche Mirko resta basito e ha una reazione però esagerata che devo contenere a fatica.

Pur avendo ragione, bisogna cercare di non perdere la testa anche se si ritiene di aver subito un torto ed è per questo che ho dovuto dare 2. Ripeto, probabilmente aveva ragione ma, una volta che hanno giudicato in quel modo, non resta che incassarlo sperando che si sia trattato di un errore in buona fede...


Contatto leggero

Jacopo voto: 6

Finalmente si scrolla di dosso le sconfitte che stavano diventando troppe, sopratutto tenendo conto che lui è bravo. A sto giro riesce a controllare il suo modo un spavaldo di combattere, resta composto, chiuso e ascolta l'angolo. Vince meritatamente e accede in semifinale dove però non riesce a ritrovare la stessa concentrazione e viene eliminato guadagnandosi però la medagli di bronzo!

Christian voto: 6

Christian è un guerriero. Lotta sempre al massimo e anche tecnicamente ha fatto passi da gigante. Purtroppo paga la differenza di altezza con il suo avversario che però, in questa fase di crescita e incontri light non può essere colmata dalla potenza. Quindi, dovendo lavorare leggero, chi è più alto si avvantaggia con le fasi di clinch dove dall'alto si riesce a dominare e tirare molte ginocchiate. E purtroppo fatica ad uscire da quella fase, cosa che gli costa il passaggio del turno. Si rifarà sicuramente!

Gabriele. Voto: 6 (media tra 7 per il match e 5 per l'ascolto).

Gabriele, ormai per tutti Gabriellino, vince il primo match degli ottavi, riuscendo ad imporre la maggiore fisicità e allungo.

Passa ai quarti ma qui cade in un suo difetto che dovrà migliorare per forza: non ascolta e fa sempre di testa sua! Infatti, non solo l'angolo ma tutti i presenti, continuavano a gridargli di chiudere le combinazioni con il calcio circolare ma lui , invece, continuava a tirare solo dei colpi di braccia che non avevano effetto. Quindi, per questo, perde le prime 2 riprese. Alla terza inizia finalmente ad ascoltare e infatti inizia a mettere a segno molti punti ma ormai troppo tardi. Quindi, nonostante una buona terza ripresa, non riesce a ribaltare l'esito del match.

Imparerà dagli errori.


Melissa. Voto: 6 (media tra il 7 del match e il 5 del coefficiente di difficoltà).

Melissa fa un ottimo match. Vincendo l'oro come juniores!

E combatte finalmente con un piglio differente, mettendo in atto colpi diversi, combinazioni di pugilato, calci doppiati e non solo il solito clinch. Quindi sono soddisfatto di ciò che ha fatto e dei suoi progressi.

Però, oggettivamente, anche se l'avversaria provava a darle filo da torcere, la differenza era importante. Sia ficicamente che tecnicamente.

Credo sia giunta l'ora di perdere magari qualche match (in realtà spero di no ovviamente) ma alzare il coefficiente di difficoltà provando a mettersi in gioco con sfide più difficili e uscire dalla confort zone. Si vincerà e si perderà ma almeno ci sarà lo stimolo giusto ad allenarsi al massimo.


Alessandra. Voto: 6

Finalmente riesce a fare un combattimento dove fa sentire i colpi alla sua avversaria. E dove riesce a fare ciò che ha in mente, restando abbastanza lucida. Perlomeno per i primi 2 round. Nel terzo purtroppo ha un calo vistoso e torna a spingere i colpi e a rallentarli.

Alessandra è comunque migliorata molto ma sa che pretendo di più dai miei agonisti . Ora dovrà quindi continuare su questa strada se vuole togliersi delle soddisfazioni maggiori. E dovrà innanzitutto arrivare a gestirsi meglio come atleta, non arrivando sempre tirata al peso ma mantenendo un regime da atleta per tutta la stagione. Questo la aiuterà a conservare le energie per combattere e a non stancarsi ancor prima di iniziare!

Comunque brava. Medaglia d'oro anche per lei!


Mattia. Voto:8

Mattia è probabilmente l'atleta che ha fatto più progressi di tutti nell'ultimo periodo e che mette il massimo impegno ad ogni allenamento. E l'impegno paga sempre!

Fa una semifinale e una finale di alto livello, mostrando una muay thai completa fatta di calci, ginocchiate e pugilato. Sempre lucido e concentrato assesta anche in finale un gesto di alta scuola tecnica, piazzando un calcio al viso sull'avversario che continuava ad attaccare con atteggiamento di sfida. Colpo tirato con una perfetta scelta di tempo, con la giusta forza ma che, prendendo di incontro l'avversario, rischia di mandarlo ko (per un pelo). fortunatamente la terna arbitrale e attenta e riesce a capir che il colpo ê stato tirato in modo tecnico senza forza nè cattiveria e quindi la vittoria viene giustamente data a Mattia che vince il torneo e si aggiudica la medagli d'oro! Molto bravo!


Mihai. Voto: 8

Medaglia d'oro nel suo torneo, partendo dai quarti di finale.

Fa 3 match uno di seguito all'altro. Vincendoli tutti alla grande e contro avversari diversi per caratteristiche e tutti di buon livello tecnico.

Affronta quello aggressivo e lo gestisce con uscite e rientri perfetti. Affronta quello fisicato e riesce a restare mobile e non farsi afferrare. Affronta quello alto e attendista e riesce ad accociare le distanze e mantenere l'iniziativa.

E la cosa migliore è la gestione emotiva dei match. Ci sono anche dei momenti dove avrebbe potuto perdere sicurezza (ad esempio subisce un paio di proiezioni). Ma lui si rialza, si scrolla di dosso quanto accaduto e riparte come se niente fosse. Mentalità grandiosa.

E anche nella vittoria, resta tranquillo. Contento ma tranquillo. Per lui, se continuerà ad allenarsi così, presto il contatto pieno. E una bella carriera. Ha tutto per farla!


Bambini.

I nostri bambini si comportano benissimo. Non voglio analizzare i match uno alla volta perché la cosa importante è che si siano comportati ottimanente. Anche chi ha trovato qualche difficoltà inaspettata, crescerà e imparerà che al momento deve essere tutto un gioco e che in ogni caso, nello sport, si vince e si perde e che si deve accettare anche questa.

In ogni caso Francesco e Matilda portano a casa una medaglia di bronzo. Marco che aveva da fare un match in più, non è andato a medaglia ma ha sfoggiato una bellissima prestazione e tanti sorrisi! Esiamo molto contenti di tutti loro!

Bravissimi tutti!!


Abbiamo mostrato una bellissima Muay thai. Non siamo quelli che si affidano al caso ma ogni match, vinto o perso, ci vede battagliare sempre fino all'ultimo. Nessuno ci ha battuto per ko o per manifesta superiorità! E di questo ne andiamo fieri!!

Ora una menzione speciale per Roberto e matteo con cui abbiamo fatto squadra e con cui abbiamo condiviso vittorie e sconfitte di questa trasferta. Grazie.

Grazie anche ad Alessandra per tutto lo sbattimento per la logistica e per aver organizzato alla perfezione anche questa trasferta. Insostituibile!

Grazie anche a chi del gruppo ci ha seguito fino a Roma (Chiara), ai genitori presenti, agli amici presenti, alle fidanzate e anche a chi ci ha seguito e tifato da casa!! So che siete stati tanti!

Tutto ha fatto gruppo e ci ha consentito di avere quella magia che ha creato quel gruppo magico che si chiama cerchio dei guerrieri. Quell'energia che è arrivato fin sopra il ring aiutando noi all'angolo e gli atleti sul ring a portare a casa le molte vittorie e le bellissime prestazioni.

Sawadii Krap

Il cerchio dei guerrieri Trezzano, corsico, Buccinasco, cesano boscone, Gaggiano... muay thai, mma, pugilato. Il meglio degli sport da combattimento.


Comments


Post in evidenza
Riprova tra un po'
Quando verranno pubblicati i post, li vedrai qui.
Post recenti
Archivio